Celan, Heimat e dintorni. Estratto da Il respiro dei luoghi

17 Posted by - 19 Marzo 2016 - pubblicazioni

Il Respiro dei luoghi, (conversazioni sull’Heimat e dintorni) p.14

 

Penso al peregrinare di Celan che, dopo la devastazione della seconda guerra mondiale, orfano, privo di Heimat e con l’identità in frantumi si rifugiò, viaggiando da un paese all’altro, in quell’unico luogo cui autenticamente egli sentì di appartenere: la lingua, paradossalmente proprio la lingua tedesca, idioma materno ma al contempo verbo del nemico. Durante un discorso di ringraziamento pronunciato a Brema, in occasione di un premio letterario conferitogli Celan disse:

«Ho tentato di scrivere poesie: per parlare, per orientarmi, per riconoscere il luogo, dove mi trovavo…».

Prosegue, nel medesimo contesto, riconoscendo alla lingua lo status di unica sopravissuta:

«Raggiungibile, vicina e non perduta in mezzo a tante perdite, una cosa sola: la lingua».

Celan, senza più luoghi cui fare ritorno, si rifugiò nelle sue “parole-tenda”, parole in cui il senso stesso si dilata in un astruso gioco di associazioni che infrange e reinventa le regole, tracciando un criptico passaggio verso l’altro, offrendo al poeta uno spiraglio di appartenenza e di identificazione che si sostituisce alla mancanza del tutto.

Le mie poesie per P.Celan

 

Per P. Antschel

A te

che io nuovamente scrivo e scrivo
come volessi dire

qualcosa.
Qualcosa di me, di te
di un’obliata appartenenza
di un filo nero e una lingua livida

che non tace e m’inquieta

non il bianco e nero il tuo sguardo di sbieco
l’incostanza del cuore gli inganni.
Allora ricomincio
e non è mica di noi
ma del resto del mondo
questo inorridire
il cuore slabbrato
in catene senza fatiche
il sopravvivere senza sete
fame cordoglio
morire
di troppa presenza.

 

 

 

E io

E io che sono
solo un attimo di Ulisse
un capello d’oro Margarete
un filo di gomitolo o pube

E io che sono
solo un mezzo grafema
sulle rotaie del vivere quest’attimo di treno
che sono e non sono.

Nullesia

Dopo il fondale
non sempre ricordo
ma quella nullesia
altura senza tregua

ai piedi del sonno
mi snida il tempo.