Bio

Monica Guerra è nata a Faenza il 4 ottobre del 1972. La sua ultima pubblicazione Entro fuori le mura  (Arcipelago Itaca, 2021) esce con una post-fazione di Sandro Pecchiari e alcune fotografie realizzate per le sezioni del libro da Virginia Morini. 

Nel gennaio 2020 è uscita la sua penultima pubblicazione Nella moltitudine (Il vicolo 2020). Nel 2019, la silloge inedita Spezzare il pane è stata pubblicata nel Quarto Repertorio di Poesia Italiana Contemporanea (Arcipelago Itaca), nello stesso anno la raccolta Expectations, in lingua inglese, è stata pubblicata nel Journal of Italian Studies, sezione italiana, per il NeMLA (Northeast Modern Language Association).

Nel 2018 ha tradotto in italiano una sezione dell’antologia Hundred Great Indian Poems curata da Abhay K. (Bloomsbury, India 2018).

La sua pubblicazione bilingue Sulla Soglia – On the Threshold (Samuele Editore 2017) è stata pubblicata anche in lingua spagnola per Uniediciones Sello Editorial, con traduzione di Antonio Nazzaro.

Sotto Vuoto (Il Vicolo 2016) seguiva Semi di sé (Il Ponte Vecchio 2015) e il saggio intitolato Il respiro dei luoghi, scritto a quattro mani con il sociologo Daniele Callini (Il Vicolo 2014).

Nel corso degli anni ha ottenuto riconoscimenti in vari premi, quali: “Poesia Onesta” (2020), Premio “Lorenzo Montano” (2020- 2019-2018), Premio “Parasio” (2020), Premio “Arcipelago itaca” (2019), Premio Letterario “Giovane Holden” (primo premio, 2017), Premio “Gutenberg” intitolato a “Luciana Notari” (primo premio, 2017), Premio città di “Martinsicuro” (2016) e Premio“Monti Lepini” (primo premio, 2014).

È presidente dell’Associazione IndependentPOETRY (www.independentpoetry.org).

foto di Virginia Morini