Viaggio nella poesia europea contemporanea

Viaggio nella poesia europea contemporanea

Intervista a Monica Guerra, Presidente di Independent Poetry, traduttrice, esperta di poesia romena. Ne parlerà all’Associazione A. Rosmini di Trento giovedì 28 marzo 2024 h.17 in collegamento tramite zoom (link: https://us02web.zoom.us/j/82478134063)

Quali sono stati, da lettrice italiana, i suoi primi incontri con la poesia romena?

Conoscevo diverse opere di Ana Blandiana (pseudonimo di Otilia Valeria Coman) autrice largamente tradotta nel nostro Paese e spesso invitata a festival letterari; una voce di riferimento del panorama romeno ma certamente non l’unica di rilievo. Ana Blandiana appartiene a un gruppo di autori che ha attraversato il periodo del regime comunista e che, rifuggendo ogni artificio retorico, ha dato voce alla resistenza. Conoscevo anche i versi di Nina Cassian (1924-2014), autrice pubblicata da Adelphi e che, proprio in seguito a questa pubblicazione, ha goduto in Italia di una particolare notorietà, forse a discapito di altre grandi voci. Una nota a parte mi preme dedicare a Paul Celan (Paul Antschel, 1920-1970), da sempre prediletto, autore di riferimento della Seconda Guerra Mondiale, che però è solo parzialmente riconducibile al territorio romeno. La sua opera, prevalentemente in lingua tedesca, è stata testimone del grande male del nazismo, ma rappresenta anche uno scavo nell’abisso di ogni uomo. Una poesia del dolore e dello sradicamento dove la parola, entro i suoi stessi limiti, si trasforma in una possibile dimora.

Com’è stato il suo viaggio nella poesia romena quando ha cominciato a frequentare il Paese?

La prima opera letta è del padre fondatore della poesia romena Mihai Eminescu (Mihail Eminovici, 1850-1889): un poemetto metafisico/simbolico che mi ha subito catturato Lucefarul (Iperione). Ho vagato poi nella tradizione popolare, tra leggende e canti, rapita dalla bellezza dei luoghi, dal folklore ma anche dalla pregnanza morale dei significati. Grazie all’opera critica e di traduzione di Marco Cugno e Marin Mincu mi sono avvicinata ai grandi autori interbellici (George Bacovia, Lucian Blaga, Ion Barbu, Ion Vinea e Tudor Arghezi) e ai poeti vissuti durante la dittatura (tra questi Nichita Stănescu, Marin Sorescu, Ion Gheorghe, Angela Marinescu) scoprendo un patrimonio di versi visionari e coraggiosi e godendo di una musicalità che talvolta la traduzione lede.

Ci sono stati incontri con la poesia contemporanea?

Negli ultimi anni ho tradotto diversi testi di Constantin Severin, poeta e artista che devo ringraziare anche per la guida nella selezione degli autori che saranno presentati nella rassegna Viaggio nella poesia europea contemporanea, promosso dall’Associazione A. Rosmini di Trento. È stato facile cadere nella profondità dei suoi versi, seguendo la tensione verticale – ora di scavo, ora di elevazione – tra rimandi mitologici ed elementi della vita, una miscela di tradizione e di consapevolezza del presente che avvicinano la poesia al lettore. Grazie a lui è iniziato il mio viaggio tra i poeti romeni contemporanei, viaggio di studio e di ricerca che spero mi conduca, attraverso la frequentazione della lingua, a tradurre autori importanti e poco tradotti in lingua italiana come Ion Muresan, Aura Christi, Nichita Danilov e Liviu Ioan Stoiciu.

Se dovesse scegliere tra queste voci qualche verso significativo, su chi si orienterebbe?

Lo sguardo di Orfeo di Constantin Severin:

ho sempre scritto cercando lo sguardo di Orfeo al di fuori delle cose /lo sguardo-musica nel cuore del vuoto che muove astri e pianeti/uno sguardo colmo d’amore che amplifica la vita in paradiso e la morte all’inferno/lo sguardo che perde Euridice per vincere il canto//ho sempre scritto cercando lo sguardo di Orfeo all’interno delle cose/lo sguardo-ninfa nel cuore della materia che nutre foglie e radici/uno sguardo carico di tutte le nostre storie chiare e oscure /lo sguardo che in questa poesia si frantuma in mille farfalle roride…

 

 

 

The antonym

The antonym

THE GREY DAYS ARE LAKES AND OTHER POEMS

click on the title to read the article
Translation by Patrick Williamson

*

we sail by sight
among the trunks of pines

like sheer mangroves
deep in lakes

the discovery in the well
is a tomb chorus

the geomancy a chapter
filed

*

navighiamo a vista
tra i tronchi dei pini         

come mangrovie a picco
dentro i laghi

nel pozzo la scoperta
è un coro tombale

la geomanzia
un capitolo archiviato

*

among these shadows the step
is stale bread under
the crust            come true
the outrage of the swamp

it is always night before
time                   in time
in the neck of stones
it is always night

the gestation of light

 

*

tra queste ombre il passo
è un pane raffermo
sotto la crosta si avvera
l’oltraggio della palude

è sempre notte prima
del tempo   nel tempo
al collo delle pietre
è sempre notte
la gestazione della luce

 

Il pietrisco

Il pietrisco

Il 31 gennaio alle ore 21.00 Monica Guerra è ospite assieme a Michele Donati di Il Pietrisco, nell’occasione entrambi leggono testi inediti legati all’alluvione che ha colpito la Romagna nel maggio 2023.
Versi e riflessioni ruotano attorno al cambiamento climatico, all’incuria e alla normalizzazione degli stati emergenziali.
La serata è intitolata “presenti e vivi”.

 

 

 

Scatti di Poesia

Scatti di Poesia

La mostra fotoletteraria “Scatti di poesia” sarà inaugurata il 27 novembre 2023, alle ore 18.00, presso il Centro Polifunzionale degli studenti dell’Università degli Studi di Bari ‘Aldo Moro’.

Lino Angiuli

 “La decima edizione! Un ciclo che si compie o una traiettoria che si apre verso nuove progettualità? Non è dato saperlo, ma è certo che dieci anni di incroci fra due diversi linguaggi creativi, cui quasi sempre si sono associate due diverse direzioni (quella ‘orizzontale’ del paesaggio e quella ‘verticale’ della parola) e poi ancora due dimensioni (quella dello spazio presente e quella del tempo della memoria) non possono passare invano. Ed è certo altamente simbolica la circostanza in cui cade questa edizione speciale: il centenario della nascita di Italo Calvino (15 ottobre 1923), lo scrittore più visionario ed eclettico del Novecento italiano, al quale è dedicata questa edizione.” (dal Catalogo decennale edito per l’occasione dalla QuorumEdizioni)

 

Terracqua – Museo di Scienze Naturali Malmerendi

Terracqua – Museo di Scienze Naturali Malmerendi

Terracqua/
ore 21.00
collettivo poetico con gli autori: Giancarlo Sissa, Gianfranco Lauretano, Giorgia Monti, Michele Donati, Monica Guerra, Rossella Renzi, Sandro Pecchiari e con un recitativo di Alessandra Gabriela Baldoni.
ore 22.00
Live set Elettro-acustico sintetizzatori, chitarra e percussioni a cura di Michele Ragazzini e Enrico Andrini.